Missione

L’Azienda Speciale Palaexpo diventa un "Polo del Contemporaneo" in grado di rappresentare, per la città di Roma, un luogo pubblico di produzione culturale che possa proporre nuovi e organici modelli di incontro tra diverse discipline, di convergenza fra sperimentazione e ricerca artistica e scientifica, di nuove forme di uso del museo e dello spazio espositivo in genere, di centro propulsore di una attività pedagogica e formativa aperta alle richieste di cultura da parte dei diversi pubblici.



Il Polo del Contemporaneo si pone l’obiettivo di far dialogare i presidi culturali e le realtà più attive nell’ambito cittadino, nonché di confrontarsi e di scambiare esperienze con centri culturali e di ricerca, università a livello sia nazionale che internazionale.

Il Polo del Contemporaneo si pone i seguenti obiettivi

Mettere in primo piano l’accesso alla cultura, alla possibilità di godere della bellezza e allo sviluppo della capacità critica come un fondamentale fattore di giustizia sociale, di accesso ai valori di cittadinanza, di benessere individuale e collettivo.

 

Sostenere e incrementare la produzione attiva di esperienze e di conoscenza: incentivando il dialogo e la convergenza fra i diversi ambiti della cultura e tra i diversi linguaggi artistici, e potenziando le sperimentazioni e la ricerca nelle diverse forme artistiche e scientifiche per favorire esperienze rivolte a pubblici eterogenei e sostenere la crescita di nuove competenze culturali.

Rafforzare la strategia di coinvolgimento dei pubblici anche attraverso opportunità di formazione continua alimentando processi e pratiche di comunità per favorire la partecipazione alla vita culturale e rendendo i contenuti accessibili con diversi strumenti anche attraverso un processo di documentazione, anche online, di tutte le attività.

Fare sistema a livello locale, nazionale, internazionale e contribuire alla narrazione di una Roma contemporanea e proiettata verso il futuro.

I luoghi del Polo del Contemporaneo

Tre importanti centri di produzione culturale concorrono a una proposta organica secondo un modello di messa in comune di risorse tra le istituzioni e le organizzazioni della città.